Solari: come sceglierli

Promo Estate - Slide

Proteggere la pelle dai raggi solari è molto importante durante tutto l’anno ma, si sa, in estate è fondamentale per evitare problemi di scottature ed eritemi, nonché macchie ed invecchiamento precoce della pelle.

Questo articolo potrà sembrarvi lungo e noioso, ma, secondo me, vale la pena spenderci qualche minuto del vostro tempo.

Conosci tutti i raggi UV?

I raggi UV sono quelli che, tra tutte le tipologie di radiazioni solari, raggiungono la Terra in quantità minore (circa il 3%), ma non per questo sono meno importanti, anzi, possono essere tanto utili al nostro organismo, quanto dannosi.

Gran parte dei raggi UV vengono riflessi dallo strato corneo superficiale e solo una piccola quota arriva negli strati più profondi dell’epidermide. A seconda della lunghezza d’onda, si suddividono in UV-A, UV-B e UV-C.

  • I raggi UV-A rappresentano circa il 98% dei raggi UV che colpiscono la Terra e possiedono una lunghezza d’onda di 320 – 400 nm; hanno effetti ottimi sull’abbronzatura (anche se inferiori agli UV-B) e moderati sul danneggiamento cutaneo. Vista la loro elevata lunghezza d’onda sono tuttavia in grado di penetrare in profondità nel derma, distruggendo capillari, collagene ed elastina, provocando eritemi e danneggiando la pelle, anche a lungo termine;
  • I raggi UV-B costituiscono il 2% della radiazione ultravioletta che oltrepassa l’atmosfera e hanno una lunghezza d’onda di 280 – 320 nm; hanno una capacità di penetrazione inferiore agli UV-A e non riescono a superare le strutture più superficiali della pelle. Questi raggi sono in grado di alterare il materiale genetico contenuto nel DNA aumentando il rischio di comparsa di tumori cutanei. La radiazione UV-B è molto più efficace della radiazione UV-A nel provocare l’eritema.
  • I raggi UV-C sono i raggi ultravioletti più pericolosi e possiedono una lunghezza d’onda di 100 – 280 nm; sono particolarmente dannosi per la salute poiché possiedono un alto potere cancerogeno. Fortunatamente, vengono trattenuti dalla fascia di ozono e per questo non hanno effetti particolari sulla pelle.  Il rischio di esposizione a questi raggi aumenta in alta quota.

La nostra pelle reagisce all’azione di queste radiazioni attivando la melanina, considerata la protezione naturale ai raggi UV fino a una certa esposizione; il risultato di questa “protezione” è l’abbronzatura.

Quindi, per difendere la nostra pelle dai raggi UV dobbiamo affidarci ad una buona crema solare facendo attenzione a sceglierla con il giusto SPF (Sun Protector Factor) per il nostro fototipo.

SPF e fototipo

È bene sapere che NON esiste una protezione totale. L’SPF indica il grado di protezione che un prodotto solare riesce a garantire contro i raggi UV. Si tratta di un indice espresso attraverso un valore numerico: più è alto il numero, maggiore è la protezione offerta dalle radiazioni ultraviolette.

Attenzione! L’SPF rappresenta solo la protezione alle radiazioni UV-B, quindi non rappresenta adeguatamente la protezione verso l’intero spettro della radiazione solare.

Anche la quantità di prodotto da utilizzare ha delle regole! 30 grammi per il corpo e 7 grammi per il viso. Stupiti??

Ricordatevi inoltre che la protezione solare serve anche quando avete la pelle scura o siete già abbronzati, perché l’avere un colore scuro di pelle non vi protegge dal rischio di melanoma.

Il fototipo di un individuo è determinato dalla quantità e dalla qualità della melanina presente nella pelle che le conferisce il suo caratteristico ed unico colore.

Possiamo individuare 6 fototipi diversi, a seconda delle caratteristiche di ognuno:

Fototipo I

Gli individui con fototipo I possiedono una carnagione lattea estremamente fotosensibile, si scottano facilmente e non si abbronzano mai. Generalmente, questi individui possiedono anche capelli e occhi chiari. Quando si espongono al sole, i fototipi I devono proteggersi con filtri solari ad indice di protezione molto alto (SPF 50+).

Gli albini rientrano in questo gruppo e per loro, l’esposizione al sole andrebbe limitata al massimo e comunque coadiuvata da filtri solari a massima protezione.

Fototipo II

Gli individui con fototipo II hanno una carnagione molto chiara così come chiari sono pure i loro occhi e i loro capelli (capelli biondi e occhi azzurri o verdi). Questo fototipo, anche se di norma si ustiona, assume gradualmente una leggera pigmentazione; dovrebbe esporsi al sole gradualmente evitando inizialmente le ore più calde e utilizzando schermi a protezione molto alta o totale (SPF 50 o 50+, nel caso in cui la pelle sia già abbronzata anche 30).

Fototipo III

Le persone con fototipo III possiedono una carnagione abbastanza chiara, ma comunque più scura rispetto ai fototipi I e II, i capelli sono di colore biondo scuro o castano, mentre gli occhi sono azzurri o verdi scuri.

Il fototipo III si scotta moderatamente, si abbronza con gradualità assumendo un colorito nocciola chiaro. Anche nei mesi invernali la pelle rimane bruna; la fotosensibilità è bassa ma può ustionarsi e per questo deve comunque utilizzare filtri solari a media protezione (SPF 30 o 20, se la pelle è già abbronzata anche 15).

Fototipo IV

Gli individui con fototipo IV possiedono una carnagione lievemente scura od olivastra, i capelli sono generalmente castani o castano scuro, gli occhi possono essere di colore marrone scuro o marrone chiaro. Questo fototipo si scotta poco e si abbronza rapidamente, fino ad assumere un colorito nocciola scuro.

È il più fortunato tra i quattro fototipi presenti normalmente nelle popolazioni di pelle bianca, proprio perché ha una pelle con pigmentazione particolarmente scura che difficilmente si ustiona, gli è sufficiente una protezione con potere schermante medio basso (SPF 20,15 o 10 se la pelle è già abbronzata).

Fototipo V

Le persone con fototipo V possiedono una carnagione molto scura, capelli neri e, generalmente, occhi marroni. Si possono ustionare solo in rari casi e ottengono un’abbronzatura molto intensa già dopo pochi giorni di esposizione al sole. Generalmente, il fototipo V è sufficientemente protetto dai raggi UV anche con filtri solari a basso indice di protezione (SPF 10 o 6 in caso di pelle già abbronzata).

Fototipo VI

Gli individui con fototipo VI possiedono una carnagione estremamente scura o nera, occhi marroni scuri e capelli neri. La fotosensibilità di questi individui è pressoché nulla, non si scottano, ma in caso di eccessiva e incontrollata esposizione solare possono comunque sviluppare tumori cutanei, spesso difficilmente individuabili e diagnosticabili proprio a causa della carnagione nera. Per tale ragione, anche i fototipi VI dovrebbero proteggersi con filtri solari. In questi casi, tuttavia, può essere sufficiente un fattore di protezione basso (SPF 6).

Cosa sono i filtri solari?

I filtri solari sono gli ingredienti che si usano nei prodotti cosmetici per proteggerci dai danni del sole; ne esistono di due tipi:

  • Fisici (inorganici)
  • Chimici (organici)

I filtri fisici (o inorganici) sono: l’ossido di zinco e il biossido di titanio, che fungono da barriera, schermando la pelle dai raggi solari e riflettendoli, come fossero uno specchio.

I filtri chimici (o organici), invece, assorbono i raggi impedendone la penetrazione nella pelle.

Tutti i filtri organici usati nelle creme solari sono quelli indicati nell’allegato VI del regolamento CE n.1223/2009 del 30 novembre 2009 e successive modifiche.

I filtri solari devono avere un’alta tollerabilità, cioè devono essere composti da sostanze poco allergizzanti e ben tollerate dalla pelle; devono essere resistenti ad acqua, sudore e calore; devono infine rispettare l’ambiente, perché di norma contribuiscono ad inquinare le acque.

Esempi di filtri dannosi sono l’oxybenzone e l’ethylexyl methoxycinnamate; da evitare anche l’octinoxate, l’octocrylene, l’homosalate e l’ethylexyl salicilate(es), per tutelare flora e fauna marina.

NOTA BENE: oltre a proteggersi con la crema solare, è bene non esporsi al sole nelle ore più calde, ovvero tra le 12:00 e le 16:00; proteggete la testa con un cappello e riapplicate spesso i prodotti solari.

In commercio si trovano diverse tipologie di prodotti solari: in formula spray, in formula crema, protezioni solari per le labbra e le zone delicate, quelle per pelli sensibili, prodotti specifici per i bambini e quelli adatti alle donne in gravidanza.

Cerchi la crema solare più giusta per te? Visita il nostro e-shop e scegli la protezione solare più adatta alle tue esigenze!

BUONA ESTATE!

Lascia un commento