Skincare: i passaggi fondamentali per avere una pelle sempre al TOP!

Non tutti si rendono conto dell’importanza di avere una routine per la skincare. Ogni giorno la nostra pelle è sottoposta a “stress” di ogni genere, dal make-up alle polveri sottili presenti nell’aria sempre più inquinata. Tutto questo si deposita sulla nostra pelle, occludendo i pori e facendo apparire il colorito spento e opaco.

La cosmesi ci viene in aiuto per avere sempre un aspetto sano e curato, portando giovamento alla nostra pelle; ovviamente, parlando di bio-cosmesi, è sottinteso che i prodotti che applichiamo debbano essere privi di sostanze nocive, che altrimenti andrebbero a intaccare ulteriormente la salute della nostra pelle.

Allora, cosa è meglio fare per non sbagliare? Ve lo spiego in pochissimi, semplici passi.

1.   Struccaggio

La maggior parte delle donne, si sa, ama truccarsi, per migliorare il proprio aspetto e per sentirsi sempre in ordine, quindi la fase dello struccaggio è INDISPENSABILE! Andare a dormire con il trucco, è quanto di più dannoso esista per la pelle, poiché i residui di make-up tendono ad occludere i pori, impedendo la normale traspirazione e favorendo la proliferazione batterica.

In commercio esistono struccanti di vario genere, dall’olio al burro all’acqua micellare; sta a noi scegliere il prodotto più adatto alla nostra pelle ed è bene fare attenzione anche a come procediamo in questa fase: utilizziamo preferibilmente pad, spugne di mare, panni viso, guantini, manopole (evitiamo i dischetti di cotone monouso, altamente inquinanti).

Una particolare attenzione va rivolta alla zona degli occhi, dove la pelle è molto più sensibile, essendo più sottile; bisognerebbe utilizzare un prodotto specifico per questa zona delicata.

Risciacquare bene il viso con acqua tiepida per eliminare qualsiasi residuo di struccante.

2.   Detersione

Una volta rimosso il make-up, passiamo alla detersione del viso, per rimuovere sebo in eccesso, smog, sudore e sporco.

Quasi tutte conosciamo il latte detergente, ma, in commercio, esistono altre valide alternative quali saponette, mousse, gel. È bene prediligere detergenti delicati e non troppo aggressivi, che non alterino il naturale pH della pelle. Per pelli grasse/impure è bene scegliere un detergente purificante, facendo però attenzione e non sgrassare troppo, per non incorrere nell’effetto rebound (ovvero una produzione eccessiva di sebo) che farebbe diventare la pelle lucida e unta.

3.   Tonificazione

Conseguentemente a questi passaggi, la pelle deve ripristinare il film idrolipidico ed il suo pH naturale, attraverso la tonificazione; per questo passaggio possiamo affidarci a prodotti come il tonico o l’idrolato.

Il tonico è una soluzione acquosa contenente spesso tensioattivi, mentre l’idrolato è una soluzione derivante dalla distillazione di piante aromatiche ed officinali. In base agli estratti contenuti, tonici e idrolati possono essere riequilibrantiastringentipurificantirinfrescanti e lenitivi.

Io consiglio di applicare il prodotto direttamente sul viso, senza “intermediari” (dischetti, pad o quant’altro) perché questi mezzi tratterrebbero una quantità non indifferente di  prodotto.

Una volta struccata, detersa e tonificata, la pelle è pronta a ricevere i trattamenti specifici.

4.   Contorno occhi

Come detto prima, la zona del contorno occhi è estremamente delicata, in quanto sottile e carente di collagene, ed ha bisogno di un trattamento mirato. Bisogna garantire un’adeguata idratazione a questa zona, per prevenire la comparsa di borse, rughe ed occhiaie. È necessario utilizzare prodotti specifici, di alta qualità, che, oltre a garantire la giusta idratazione, stimolino il microcircolo e rendano la pelle elastica e sana.

5.   Idratazione e nutrizione

Adesso è il momento di applicare una buona crema idratante, ricca di principi attivi. Negli ultimi anni anche i sieri hanno conquistato un posto d’élite nella skincare: i sieri sono dei veri e propri concentrati di principi attivi che aiutano la pelle ad assorbire meglio la crema; possono essere a base acquosa (normalmente applicati PRIMA della crema, o a base oleosa (normalmente applicati DOPO la crema).

La crema, infine, serve a mantenere il giusto grado di idratazione della pelle e/o a nutrirla, in base alle esigenze di ognuna.

Il prodotto da applicare va scelto in base alle esigenze, caratteristiche e tipologia della pelle, ma generalmente, più la pelle è grassa, più leggero deve essere il prodotto, al contrario, più la pelle è secca, più idratazione e nutrizione è necessaria.

Ma non finisce qui!

Scrub e peeling

Una o due volte alla settimana è bene fare uno scrub o un peeling, per eliminare in profondità le impurità e i suddetti residui di sporco, inquinamento e make-up tramite un procedimento di esfoliazione.

Lo scrub elimina le cellule morte attraverso lo sfregamento di microgranuli che spazzano via letteralmente la patina grigiastra dovuta alle impurità.

Il peeling accelera il naturale rinnovamento cellulare favorendo l’eliminazione delle cellule morte tramite le proprietà di alcune sostanze in esso contenute; questa procedura risulta essere più delicata rispetto allo scrub.

Maschera

Inoltre, è consigliato fare almeno ogni 15 giorni una maschera viso, per idratare, rivitalizzare, tonificare, detossinare, purificare, nutrire, ammorbidire, esfoliare e rassodare la pelle.

Seguendo tutti questi passaggi, vi ritroverete una pelle di pesca!

Lascia un commento